devi conoscerti meglio

Questo mi ha detto una persona a inizio anno. Devo conoscermi meglio. Pare che sia il mio compito per il 2014.
E allora aggiungo oggi qualche tassello al mio puzzle di conoscenza.
  1. Non avevo capito davvero i motivi del trasferimento da Torino, fino a pochi giorni fa. Fino a una frase detta con naturalezza da mio padre e metabolizzata istantaneamente da me. Conseguenza: ero più matura della mia età, ma non così matura come pensavo di essere.
  2. La parola chiave nel fare le cose è "eleganza", per mia madre. Le cose si affrontano tutte e si fanno tutte, ma bisogna mantenere un certo stile. La caduta di stile è quella che lei patisce di più, in alcune delle scelte che i suoi figli compiono o hanno compiuto.
    Conseguenza: devo ricordarmi sempre che a parità di condizioni mantenere un certo stile fa davvero la differenza.
  3. Faccio proclami di dieta almeno una volta ogni due mesi. Mantengo i miei proclami per il tempo di un paio di pasti, o a volte perfino per tre, e poi li abbandono. Fantastico su piani di allenamento che mi permetterebbero di rimettermi in forma, e dopo averli valutati con attenzione li vivo come se li avessi cominciati davvero.
    Conseguenza: se non smetto di sentirmi appagata nel fantasticare, non avrò mai abbastanza energia per fare davvero.
 Work in progress


Commenti

PaolaClara ha detto…
Oh, come ti capisco...

Post popolari in questo blog

di giornate bellissime e del perchè non durano

già tempo di bilanci? no, direi di no

torino, mia bella