nuovi sogni e vecchie fatiche

Stanotte, complice la sveglia alle cinque circa, ho sognato. E ho sognato di nuovo uno dei miei sogni incasinati e un po' contorti, con un sacco di ascensori e di posti da raggiungere e di distrazioni da cui guardarsi. E c'era anche il signor Many nel mio sogno (e non è la prima volta che accade, si vede che mi dà sicurezza sapere che c'è anche lui). E non so bene dove avremmo dovuto andare, ma so che ci stavamo mettendo un sacco di tempo, davvero troppo tempo. Però ero convinta che saremmo arrivati, e non avevo paura di perdere qualcosa. Insomma, pareva che la destinazione fosse importante ma non fondamentale.
E mi domando quale sia il messaggio (ehm... )

Commenti

Post popolari in questo blog

di giornate bellissime e del perchè non durano

già tempo di bilanci? no, direi di no

torino, mia bella