movimento

Per la prima volta quest'anno mi ritrovo a pianficare una serie di uscite lavorative anche nel mese di dicembre. E' strano, di solito dicembre è il mese della programmazione. Forse quest'anno ho lavorato meglio...
E ho tanti pensieri che mi frullano in testa. Che cercano di mettere insieme quel che accade nelle mie giornate.
Ho sistemato il nido (la parte di casa che mi spetta), e ho provato a farne un posto accogliente. A quanto pare ha funzionato, il piccolo ha apprezzato al punto di stare seduto per mezz'ora a giocare, nel posto che ho scelto per lui.
Ho ascoltato ministri competenti e ministri meno competenti parlare di spreco di cibo e di uso ragionato delle risorse. Mi sono dispiaciuta perchè quello meno competente è il ministro a cui faccio riferimento, in ambito lavorativo.
Ho osservato il dispiegarsi delle forze dell'ordine perchè un posto che concentra quattro ministri e  un sottosegretario è comunque un posto da controllare e proteggere.
Ho discusso con la maestra dell'asilo. E ogni volta che ho tentato di riprodurre il dialogo che abbiamo avuto, immedesimandomi in lei e pronunciando le frasi scelte da lei, i miei interlocutori hanno reagito esattamente come ho reagito io. E questo mi ha resa più consapevole di percorrere la strada giusta.

Mi sento scissa, in questi giorni (semicit., da un blog che amo): sì, anche io. E' come se vivessi a tasselli, e faticassi a tenere uniti quei tasselli.
Gravito intorno a mio figlio, mio padre (verso cui provo nervoso, e preoccupazione, e tristezza), mia madre (oberata di lavoro, che si chiede perplessa come mai dorme sempre 8 ore filate, e realizza con stupore che sì, in effetti fa un sacco di cose, e che sì, è stanca perchè usa le energie durante il giorno... ).
Mangio. ingrasso. mangio.

Commenti

Barbara Boattini ha detto…
Che dice la maestra dell'asilo??????
monicabionda ha detto…
Boa, ti racconto in privato...

Post popolari in questo blog

di giornate bellissime e del perchè non durano

già tempo di bilanci? no, direi di no

torino, mia bella