Roma è un bel posto

Roma è caldo (quando altrove fa freddo), tacchi alti e sanpietrini, conversazioni disinvolte e osservazione, tanta eleganza tutta insieme bella da vedere.
Roma è il lungotevere di sera, le parole (tante, quante) di perfetti sconosciuti, la promessa di un weekend di ostriche e acquario, lo stadio con la polizia e noi che passiamo ugualmente ("sa, andiamo a un ricevimento di nozze").
Sara&Vins è una chiesa - non chiesa - per le promesse di matrimonio. Una sera tradizionale, ma leggera, piena di sorrisi e di familiarità. Musica bellissima e momenti di commozione, affogati in una risata (ma si vedeva). Sara&Vins è gli occhi scintillanti di gioia, quella vera, quella che non passa. Le scarpe alte (Sara) o i piedi nudi, il pianoforte (Vins) e Sergio Cammariere.
Il bouquet coi tulipani (Sara) e la calla all'occhiello (Vins).
Sara è un abito bello, bellissimo, lungo, con il velo come le principesse e i capelli raccolti. Come nelle fiabe.
Vincenzo è la presenza, l'attesa, l'eleganza e la felicità.
E' stato un evento? Sì. E' stato vero? Sì.
Non credo si possa chiedere di più a un matrimonio.

Commenti

Post popolari in questo blog

di giornate bellissime e del perchè non durano

già tempo di bilanci? no, direi di no

torino, mia bella