Passa ai contenuti principali

IRA, o semplice passione vitale?

Spesso sono categorica nei confronti degli altri. Spesso mi arrabbio per quello che vedo intorno a me, e per quello che viene detto, o viene fatto.

Ci sono stati periodi in cui tutto mi scivolava addosso. Non erano periodi buoni, ero come isolata dal resto del mondo.

Adesso che nel mondo sono tornata e mi sono buttata "con tutte le scarpe", come avrebbe detto il nonno, le arrabbiature sono ricomparse prepotentemente nella mia vita.
Mi arrabbio per chi segue filosofie "filosofeggianti", che mi paiono solo un palliativo per gli stolti, o un modo per dire "noi siamo migliori di chi ci ha preceduto".
Mi arrabbio per le perdite di tempo, nel tempo libero. Penso che ogni secondo è prezioso, e poi mi avviluppo nella pigrizia, e mi autoflagello perchè non mi sono data da fare.
Mi arrabbio per quegli adulti che danno 'vestiti mentali' ai bambini, descrivendoli come troppo vivaci, incapaci di silenzio, incapaci di tranquillità, e trasformando le loro stesse parole in profezie che si autoavverano.
Mi arrabbio per chi lavora con approssimazione, o - ma questo è peggio - per chi non ha talento.
Ed è inutile arrabbiarsi, in questo caso: perchè se non vedi che la combinazione di colori e immagini, così come la proponi, è priva di qualunque spirito, brio, mordente che dir si voglia, non è la mia arrabbiatura che ti farà diventare un novello keith haring, qualcuno con qualcosa da trasmettere. Se non sai estrapolare i concetti chiave di un messaggio, non è arrabbiandomi che tu imparerai.
Però io mi sarò sfogata...

(nota al margine
tutte queste arrabbiature hanno un risvolto negativo da cui non riesco a liberarmi: se loro non sono capaci, forse sono io che avrei dovuto capirlo prima (e non scegliere loro)? Ho sbagliato nel valutare? Non ho capito - non ho visto - non ho percepito? E la prossima volta, come posso fare per evitare di ricadere nel medesimo errore? Non ho ancora trovato risposta ad alcuna di queste domande)

Commenti

Renata_ontanoverde ha detto…
Il grande Osho ha dato un suggerimento al suo amico che si lasciava prendere dall'ira. Gli disse, immagina di avere un biglietto (anche immaginario) in tasca (anche immaginaria) su cui ci sia scritto "io sono arrabbiato". Quando l'ira si impossessa di te, immagina di prendere il biglietto fuori dalla tasca, leggerlo e poi riporlo in tasca. Questo sistema porta dal subconscio al conscio il sentimento dell'ira. Il conscio automaticamente trova la soluzione. E' capitato anche a me, con il mio capo che urlava ed insultava. Facile perdere le staffe. Se anch'io mi arrabbiavo, io stavo male e lui si sfogava. Invece il biglietto mi salvò l'anima. Quando l'avevo "rimesso in tasca" la mia rabbia scemava ed ero "lucida" talmente da incanalare la rabbia e prospettargli la soluzione che volevo, premettendo un "se vuole, possiamo provare così" al che la sua rabbia scemava mentre mentalmente considerava la mia soluzione ed alla fine dava il suo "placet"... salvandosi la faccia....
Spero che questo suggerimento possa aiutarti. Con la mente rosa dall'ira non si riesce a controbattere in modo corretto e la rabbia porta spesso dalla parte del torto anche se hai ragione da vendere.
In bocca al lupo :D

Post popolari in questo blog

una settimana in montagna, era tanto che non.

La val Gardena è bellissima. A dire il vero tutte le Dolomiti sono bellissime, ma la val Gardena è un posto speciale.
Dopo molti tira e molla per questa strana estate, siamo andati in vacanza solo Carlo ed io, per una intera settimana, in garni (cosa che mi ha permesso di spiegare la differenza tra pensione, bed and breakfast, garni, hotel - albergo ecc). E' stata un'esperienza bellissima, che conto di rifare: le vacanze a due sono veramente necessarie per prendere il ritmo, ritrovarsi, capirsi e conoscersi meglio senza le interferenze del parentado vario (nonni, zii... ). Carlo ha imparato un sacco di cose, ha finalmente capito bene come si sta a tavola, ha giocato, dormito, camminato, preso un sacco di bus e un sacco di funivie, fatto un picnic a oltre 2000 metri con il vento forte, avuto la mamma tutta per lui, sempre, 24 ore al giorno, per otto giorni pieni.
Io mi sono rigenerata, come sempre mi accade in montagna, ho fantasticato, riso, chiacchierato, mi sono arrabbiata …

#quellavoltache*

Non è stata una volta sola, come tutte, come tutti. Ce ne sono tre che ricordo meglio delle altre.

La prima è stata a 12 anni, ed è stata #quellavoltache ho subito maggiormente il trauma. Perché ero in vacanza, perché di quell'adulto mi fidavo, perché era parte di un contesto protetto (della bocciofila dove mio nonno passava la giornata, in vacanza, e dove tutti passavamo almeno qualche ora). Dovevo andare dalla bocciofila alla casa della mia amica, oltre la pineta, era sera e questo signore mi ha accompagnata un pezzo. Mi ha palpeggiata: avevo già il seno (era dai 10 anni che si era sviluppata quella parte della mia anatomia); ha tentato di baciarmi. Io mi sono spaventata moltissimo ma non sarei riuscita a scappare, ero impietrita, lui mi ha chiesto di non dirlo a nessuno. Il giorno dopo non volevo entrare in bocciofila, mia madre mi ha chiesto e io le ho raccontato tutto (piangendo): non mi hanno più lasciata entrare in quel posto da sola, e dopo pochi giorni è finita la stagion…

di giornate bellissime e del perchè non durano

Nonostante tosse e mal di gola imperanti (sì, sono all'undicesimo giorno di antibiotico), nei giorni scorsi ho passato momenti memorabili, anche per questo 2017.
Li segno qui, per ricordarmene in futuro.
Episodio uno: la crisi della mezza età
Giovedì sera, dopo una vita da reclusa, mi concedo una birra in compagnia di un conoscente. Avevamo disquisito di lavoro in chat, ed era necessaria una integrazione alle chiacchiere.
L'incontro mi ha catapultata nel 'paese reale': la crisi dei 40 anni colpisce tutti, e il rigurgito di adolescenza arriva con matematica precisione, perfino in chi riesce a gestire con consapevolezza e con lucidità il suo percorso lavorativo, organizzandolo per farlo diventare qualcosa di solido e robusto...
E' la solita vecchia storia: donna molto giovane (molto) seduce -suo malgrado- uomo affermato, che sceglie di buttare all'aria la vita attuale per costruirne una che gli permetta un avvicinamento. Lei, saputolo, scappa con la beata incosci…