ci si è messo di nuovo il raffreddore a smorzare i miei entusiasmi e le mie velleità.
Quindi sono daccapo, ammalata ma decisa a viaggiare sia pure per poche ore.
Convinta di quello che voglio fare, ma completamente priva di energia.
E intanto il piccolo cresce, e si fa grande, arrota la erre come un francese e impara le parole in spagnolo ascoltando la canzone del momento (tutta colpa di Sanremo), ma poi mi chiede cosa significa 'ich bin'. Insomma, si fa poliglotta e a me pare una roba molto bella, questo voler capire e imparare linguaggi diversi.

Mi rammarico di perdere i pezzi della sua evoluzione: lo sport (che fa sempre con mio fratello), le feste (a cui lo accompagnano mio fratello e mia cognata), i giochi e le camminate (che fa con la nonna che lo va a prendere all'asilo). Io mi ritaglio le fiabe, quelle inventate che gli piacciono tanto. E ne faccio teatro, le sceneggio, le rendo spettacolo... e ridiamo ebbri di contentezza, alla fine di queste fiabe.

La mia meraviglia.

Commenti

Post popolari in questo blog

di giornate bellissime e del perchè non durano

già tempo di bilanci? no, direi di no

torino, mia bella